foto CSASI Nuovo Asset

C.S.A.S.I: Piano Programmatico e Nuovo Asset

(A. M. D’Amico): “siamo pronti a nuove sfide per dare lustro al territorio”

Corigliano-Rossano, 12-11-2021 – Nuovo Asset associativo e piano programmatico 2022-24 sono stati i punti all’ordine del giorno discussi nella riunione del consiglio di amministrazione, tenuta ieri, dello C.S.A.S.I. CENTRO SPERIMENTALE ARTI DELLO SPETTACOLO ITALIANO PREMIO AUSONIA.

Alla presenza dei consiglieri e dell’amministratore del nuovo sodalizio nato per gestire il Premio Ausonia, l’evento di caratura nazionale ed oltre più importante del territorio, si è deliberato il nuovo assetto associativo. Sono entrati i nuovi soci Federico Smurra, Franco Saraceno e Angela Liparoti. Pertanto il nuovo organigramma del sodalizio è il seguente:

Presidente Istituzionale: Pina Amarelli

Amministratore e Fondatore: Antonio Maria D’Amico

Consigliere e Fondatore: Salvatore Viteritti

Consigliere e Fondatore: Cosimo Longo

Direttore Generale: Adele Virardi

Pubbliche Relazioni: Mina Madeo

Responsabile progettazione e marketing: Federico Smurra

Responsabile Commerciale: Franco Saraceno

Segretaria di produzione: Angela Liparoti

Si è deliberato il nuovo piano programmatico 22/24 che prevede nuovi format e nuove figure di spicco del mondo dello spettacolo che collaboreranno nella realizzazione del Premio. Nei prossimi mesi saranno svelate tutte le novità. L’Amministratore Antonio Maria D’Amico ringrazia lo staff e i nuovi ingressi per aver accettato gli incarichi. – “Con la squadra appena creata siamo pronti a nuove sfide con il Premio per dare lustro al territorio”.

Attilio Spirlì

Teatro: 1,2 milioni di euro per nuove produzioni dalla Calabria

Spettacolo TeatraleUna bellissima notizia che si sposa con la “ripartenza” di tutto il settore dello spettacolo che ha subito i danno maggiori dalla pandemia del Covid. La Regione Calabria ha pubblicato un avviso, disponibile in preinformazione sul portale Calabria Europa, con cui intende sostenere l’attività delle compagnie di produzione che operano nel territorio e migliorare l’indice di domanda culturale nelle aree di attrazione culturale di rilevanza strategica.

 

 

Nastri d'argento

Cinema: Nastri d’Argento, Calabria in corsa

 

Le sorelle MacalusoPer il secondo anno consecutivo e causa pandemia la cerimonia dei Nastri d’Argento si svolgerà al Museo MAXXI di Roma“immaginate la piazza del museo come un cinema l’aperto con un grande schermo” è il commento di Laura Delli Colli, presidente del sindacato nazionale giornalisti cinematografici. La cerimonia, prevista per il 22 giugno, sarà una serata più formale, giornalistica, di racconto e di informazione. Una serata che racconterà il cinema italiano dell’ultimo anno che tra varie difficoltà ha presentato film di grande bellezza e dato spazio a molti esordienti. Le cinquine dei Nastri d’Argento sono di ampio respiro e attingono anche a titoli minori che hanno lasciato un chiaro segno e che si sono fatti notare, tra tutti Il buco in testa di Antonio Capuano. Cinquine che spaziano molto tra i generi cinematografici, infatti c’è anche l’horror Non mi uccidere, regia di Andrea De Sica. Per i Nastri d’Argento 2021 questa è la 75esima edizione, un numero importante, di cui già nei giorni passati sono stati rivelati alcuni premi: il Film dell’anno è Miss Marx di Susanna Nicchiarelli; il Nastro di Platino va a Sophia Loren per La vita davanti a sé di Edoardo Ponti; il Nastro Speciale a Renato Pozzetto per Lei mi parla ancora di Pupi Avati.

 

Cinema-aperto-torino-780x470

Ripartire subito: all’aperto!

Reggio Calabria Arena Dello Stretto

Sono stati16 mesi di agonia per gli operatori dello spettacolo e della cultura, ma adesso sono pronti a ripartire.

Per farlo è necessario sfruttare la “bella stagione che è già presente e soprattutto gli spazi all’aperto. Il primo giorno di “zona gialla” rappresenta una speranza per l’imminente futuro. Gli italiani sono stanchi delle limitazioni imposte dall’ancora importante diffusione del virus ma, pur con i dovuti accorgimenti, sono pronti a provare l’ebbrezza della normalità. Con il cambio di colore anche in Calabria, non riprende soltanto l’attività di bar e ristoranti (consumazioni consentite solo all’esterno dei locali e fino alle 22) ma si dà anche una boccata d’ossigeno al mondo della cultura. Il primo giorno di “zona gialla” rappresenta una speranza per l’imminente futuro. Siamo tutti stanchi delle limitazioni imposte dall’ancora importante diffusione del virus ma, pur con i dovuti accorgimenti, sono pronti a provare l’ebbrezza della normalità grazie anche alla campagna vaccinale che sta andando avanti.

 

 

 

calabria-emotions

Successo del bando per cortometraggi: “con la Calabria nel cuore”

ciak si giraSta riscuotendo molto successo il bando della Fondazione Magna Grecia diretto a filmmaker, sceneggiatori e autori “con la Calabria nel cuore”, uscito da meno di tre settimane, sta suscitando un forte interesse sul territorio. La risposta immediata alle sollecitazioni dell’avviso pubblico dimostra che la regione è ricchissima di persone che vogliono provare a raccontare le emozioni della terra che amano: sarà un piacere, per i membri della Commissione, leggere i soggetti che stanno arrivando in Fondazione per scegliere la rosa dei cinque tra i quali sarà selezionato il finalista.
calabria-film-commissionl

Sta nascendo la Hollywood della Calabria

santelli 1La Regione Calabria ha approvato una delibera che dà il via libera alla trasformazione dell’area dell’ex polo chimico di Lamezia Terme in una serie di studi cinematografici in grado di ospitare grandi produzioni sia per il grande schermo che per la tv. La decisione è stata annunciata dal presidente facente funzioni Nino Spirlì che parla di «visione avveniristica» ed è stata preceduta il 19 marzo da una variazione di bilancio della Regione: la cifra che in previsione dovrebbe essere impegnata per far nascere gli studios è di circa 20 milioni di euro. L’area interessata è la ex Sir di Lamezia , una delle «cattedrali nel deserto» che negli anni ‘70 avrebbero dovuto garantire il boom industriale del Mezzogiorno ma oggi in stato di abbandono. Il progetto segue quello della governatrice Jole Santelli, deceduta neanche un anno fa in seguito ad un male incurabile.