La storia del Premio Ausonia

Antonio Maria D'Amico

Il Premio Ausonia nasce da un’idea di Antonio Maria D’Amico e dal suo lavoro come presidente della FITA, la Federazione Teatro Amatori, di Cosenza.

D’Amico ha sempre promosso, attraverso la sua sensibilità ed il lavoro con la federazione, il “teatro impegnato”.

Dentro questa etichetta sta tutto un trend rivolto al sociale, al mondo di oggi, ad un teatro che invita a riflettere e a riscoprire la dimensione ludica dell’interpretazione scenica dei più svariati personaggi, riuscendo a mostrare le trasformazioni sociologiche o problematiche dell’epoca contemporanea.

Uno spettacolo che unisce gioia e pensiero, che promuove il divertimento come mezzo e non come fine, uno spettacolo che riprende tutta la tradizione della storia del teatro italiano.

Così nel 2015 Antonio Maria D’Amico crea il Premio Ausonia, di cui è patron ed organizzatore.

Nasce sulla scorta di promuovere e dare maggiore visibilità ed attività al teatro amatoriale arrivando, ad oggi, ad essere un evento importante per lo spettacolo italiano.

In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Corigliano-Rossano, infatti, il premio ha acquisito un’incredibile risonanza mediatica.

La cura dell’organizzazione nei minimi dettagli, la presenza in scena di artisti di fama nazionale hanno trasformato la manifestazione in “Mostra Nazionale d’Arte del Teatro Amatoriale Italiano” da cui il “Premio Ausonia” (che celebra il mondo del teatro e dello spettacolo italiano).

La caratura artistica delle compagnie provenienti da ogni regione d’Italia che negli anni hanno preso parte all’evento, ha portato il premio ad avere una importante notorietà su scala nazionale, catturando subito l’attenzione di uomini Rai e del noto settimanale “Ora”.

All’interno del premio vi è così un riconoscimento agli artisti che si sono distinti nell’anno in Italia per l’impegno profuso al Teatro Italiano.

Nel 2018 è stato assegnato il “Premio Ausonia alla Carriera” al noto Maestro Enzo Garinei, il quale è stato nominato a partire dall’edizione del 2019, Presidente del Comitato Tecnico Scientifico.

Dal 2019, il noto conduttore televisivo e radiofonico RAI Savino Zaba viene chiamato alla conduzione della serata di gala del Premio e dal 2020 assume ulteriore ruolo di coordinatore artistico.

IMPORTANTI PATROCINI

Il lavoro, l’impegno e la professionalità profusi dalla squadra organizzativa guidata da Antonio Maria D’Amico ha permesso di raggiungere traguardi ambiziosi.

Nel 2019 il Premio Ausonia riceve importanti e prestigiosi patrocini con enti, istituzioni ed associazioni di livello nazionale ed internazionale fra cui:

  • Presidenza del Consiglio dei Ministri,
  • MIBACTMinistero per i Beni e le Attività Culturali e per il turismo,
  • UNICEFL’agenzia dell’ONU per la cura dell’infanzia.

Nel 2020, un anno molto particolare vista la situazione mondiale della pandemia da Covid 19, il patron Antonio Maria D’Amico decide di arricchire il palmares con due sezioni speciali.

La prima denominata Premio Ausonia per la Resilienza, che viene assegnata alla città di Bergamo e consegnata nella mani del suo sindaco per l’alta rappresentatività istituzionale ed umana in una città silenziosa seppur straziata dalla pandemia, e anche un Premio Ausonia per la Solidarietà consegnato alla Croce Rossa Italiana per l’instancabile ruolo svolto in prima linea nella lotta al Covid19.

Due premi che hanno visto come il teatro sia parte integrante e motore della società civile, riuscendo a dare ancora più visibilità e rilevanza al Premio Ausonia anche oltre il livello dei confini italiani.

Savino Zaba - Presentatore Premio Ausonia
Francesco Pannofino - Doppiatore, Attore

UNA REALTA IN CRESCITA

Nel primo triennio, le edizioni dal 2015 al 2017, la squadra capitanata da Antonio Maria D’Amico ha puntato su una comunicazione offline riuscendo a coinvolgere un grande bacino di utenti ed amatori del genere ben oltre gli appassionati del teatro.

Da qui si è deciso di investire, il che ha permesso di far crescere in pochi anni la portata dell’evento. Il tempo e l’impegno sono stati convogliati in una nuova strategia di comunicazione che ha permesso di trasmettere le idee, le ambizioni gli obiettivi del Premio Ausonia ben oltre la dimensione precedente.

L’uso della comunicazione e social ed online ha permesso una crescita del premio in ambito nazionale soprattutto nei protagonisti e negli appassionati dello spettacolo.

Sono stati sostenuti, grazie anche all’ausilio dei nostri partner, degli importantissimi investimenti su scala nazionale, con affissioni, acquisto di spazi pubblicitari su quotidiani nazionali e riviste specializzate.

Così il Premio Ausonia ha ottenuto l’attenzione dei media nazionali e non soltanto della stampa specializzata.

Nella prima edizione del 2015, svoltasi in Piazza delle Armi del Castello, il numero di spettatori presenti è stato di poco superiore alle 300 unità, nell’edizione del 2019 il numero di presenti era superiore a 3000.

L’edizione del 2020 è stata segnata dall’importantissimo supporto media, con interviste, reportage su importanti riviste, acquisto di spazi pubblicitari presso le emittenti televisive nazionali, con spazio dedicato a nostri testimonial ed artisti premiati nelle edizioni precedenti, interazione sui canali Instagram e Facebook con dirette in loco da parte di personaggi di spicco quali Francesco Pannofino, Pupi Avati, Longoni, Castiglione, Liliana Fiorelli, Maria Leitner del Tg2, Gianluca Gargano, Alessio Praticò e tanti altri.

Il loro supporto ci ha permesso di registrare oltre 100 mila visualizzazioni tra i diversi canali online ed un formidabile risultato in relazione allo streaming dell’evento, a discapito purtroppo del pubblico presente, in quanto le limitazioni legate alla pandemia ci hanno imposto di restringere il numero di spettatori a 250 unità.

Il 2021 ci vedrà ancora protagonisti con l’avvio di una collaborazione stabile con un’emittente nazionale ed un nuovo team di digital marketing e communication.

Questi successi sono il risultato, frutto di importante impegno e sacrificio, ma soprattutto delle idee e degli obiettivi del team guidato da Antonio Maria D’Amico, patron del Premio Ausonia.